Gran pranzo di autofinanziamento: Un mare di pesce

Domenica 2 Aprile, ore 13:00

Per il Gran Festival della Zuppa 2017 prepariamo i nostri stomaci con un pranzo di autofinanziamento tutto a base di PESCE (don’t worry, arriverà anche il momento della GRANDE CAROTA per vegani/crudisti/vegetariani).


Il 2 Aprile sarà il nostro Pesce d’Aprile, l’occasione per assaggiare i piatti succulenti preparati dallo chef Antonio Cubeddu che con le sue mani sapienti ci delizierà in questo viaggio di sapori di mare. A seguire concerti e la pesca miracolosa avec Madame Poisson


Info e prenotazioni: Valeria 3402287465 festivalzuppa@gmail.com

TRES

DOMENICA 26 MARZO ore 18:00

6° appuntamento della nostra Rassegna  L’originale è Politico (?) e versavice

TRES
Ideazione Regia e Coreografia di Nicolas Grimaldi Capitello

TRES è uno dei primi esperimenti del coreografo Nicolas Grimaldi Capitello, il quale ha coordinato i performers interpreti di stereotipi moderni, antichi e futuri, in funzione di una Costituzione che millanta uguaglianza a scapito della realtà! In scena tantissimo interplay, energia e pathos, che nascono da un lavoro condiviso e creato in sala insieme. Evoluzione, crescita, involuzione, appiattimento intellettuale, annullamento di sé stessi in favore del più forte, critica sulla presunta uguaglianza degli uomini a partire dall’articolo tre della Costituzione Italiana; questi i punti cardine di una scrittura scenica in continua evoluzione che ha l’aspetto di un documentario moderno e contemporaneamente di una performance di teatro fisico!
E’ servita veramente quest’evoluzione? Siamo davvero tutti uguali davanti alla legge? E’ veramente necessario essere i più forti per sopravvivere in un mondo così enorme? Questi i quesiti fondamentali che instilla questa performance, la quale è soprattutto uno studio dei comportamenti umani in relazione ai diversi tipi di società.
Tutto lo spettacolo si basa su equilibri precari, vuoto, oggetti, movimenti, pathos e racconto…ma soprattutto sull’articolo tre! Il motore di tutto è l’esigenza di riordinare il concetto e le parole secondo una logica nuova, una lettura più semplice di ogni cosa che ci circonda, ma più complessa del sistema binario, tanto da toccare ogni campo possibile dello scibile, dalla matematica alla metafisica, dalla religione alla politica, andando a tracciare una linea temporale. Questo spettacolo si può definire quasi un labirinto mentale e fisico, dove i performer vogliono rappresentare nuovi stereotipi, personaggi diversi e storie di vita vissuta…o immaginata! Un uomo che si reinventa, che crea lavoro laddove non c’è, che ha il pieno controllo della propria vita, uguale a tutti gli altri uomini, ma che è privo di personalità, di emozione, di istinto! E dunque di seguito il grande quesito , meglio rinascere primitivi rumorosi ed essenziali o moderni silenziosi ed inutili?

Interpreti e Autori:
Eleonora Greco;
Nicolas Grimaldi Capitello;
Marianna Moccia;
Fabiana Pellicoro;
Francesco Russo;
Luigi Sica

Co-produzione:
Compagnia Körper

Musiche:
Chanson (Guem);
Tempestade (Guem);
Afrique Tango (Guem);
Io non mi sento italiano (Giorgio Gaber)

Piano Luci:
Nicolas Grimaldi Capitello

Costumi:
Nicolas Grimaldi Capitello;
Luigi Sica;
Eleonora Greco

Ingegneria audio e video:
Gianluca Savarese;
Alessia Cammarota.

Selezionato per il bando “RESIDANZA la nuova casa della coreografia” , progetto CUNAE per il ricambio generazionale di Movimento Danza, Napoli; Debutta al Teatro “Piccolo Bellini” di Napoli.

 

email: cameredariainfo@gmail.com

Lydia: 3286629343
Silvia: 3396171306

Workshop di danza contemporanea con Nicolas Grimaldi Capitello

ll workshop è rivolto a professionisti e studenti di materie dello spettacolo (danza, teatro, canto, circo, arti marziali …).
Le classi verranno condotte non solo dal coreografo Nicolas Grimaldi Capitello ma anche dagli altri cinque elementi della compagnia.
Il training iniziale di un’ora/un’ora e mezza, sarà composto da esercizi tecnici corporei, esercizi voce-corpo, improvvisazioni, ecc …
Seguito da esercizi tecnici che si baseranno in base al livello della classe. La tecnica affrontata sarà di forti basi di Floorwork e di forte volontà all’uso estremo del corpo.

PROGRAMMA:
24 Marzo
– dalle 10:00 alle 11:30 Training
– dalle 11:30 alle 13:00 Tecnica
– dalle 13:00 alle 14:00 Improvvisazioni, sequenze coreografiche, composizione istantanea …
25 Marzo
– dalle 10:00 alle 11:30 Training
– dalle 11:30 alle 13:00 Tecnica
– dalle 13:00 alle 14:00 Improvvisazioni, sequenze coreografiche, composizione istantanea …
*Se il livello della classe è alto, si lavorerà anche su una piccola rappresentazione da mostrare il giorno 26 Marzo prima dello spettacolo TRES

INFO CONTATTI:
Nicolas Grimaldi Capitello
call. +39 3495119448
e-mail: nicolasgrimaldic@live.com

Silvia
emali: cameredariainfo@gmail.com
call. +39 3396171306

Valeria
emali: lucrezia.scardigno@gmail.com
call. +39 3402287465

BREVE BIOGRAFIA di NICOLAS GRIMALDI CAPITELLO:

Dopo aver lavorato con la compagnia belga ULTIMA VEZ di WIM VANDKEYBUS con la messa in scena di WHAT THE BODY DOES
NOT REMEMBER.
Nell’occasione di un Festival avrà l’opportunità di lavorare con DIMITRIS PAPAIOANNOUE in EXTRACT FOR NOWHERE.
Collabora con la compagnia teatrale e di danza INTERNO5 in vari progetti: STANDING MONTEVERDI del regista BENEDETTO SICCA, TO BE OR BODY del coreografo ANTONELLO TUDISCO, EXISTO – I AM! I DREAM! di ANTONELLO TUDISCO.

Collabora con la compagnia di danza KöRPER di GENNARO CIMMINO in vari progetti: ASTHETICA ESERCIZIO N°1 di GENNARO CIMMINO e GENNARO MAIONE, danza per il CONCORSO DEL 2 AGOSTO a BOLOGNA per il coreografo FRANCESCO NAPPA,VIVIANESQUE di GENNARO CIMMINO.

Danza nella compagnia MOVIMENTO DANZA di GABRIELLA STAZIO nella performance site specific (musei, scuole, piazze …)

CAMPANIAN DANCE ROAD e nella compagnia NERVITESI di CARLA RIZZU in varie pieces: ORDINARY PEOPLE, EXTRAORDINARY STORY di CARLA RIZZU, MOR4ORM di CARLA RIZZU e GIULIA CESARI, PENSIERI, PAROLE, OPERE E … di CARLA RIZZU.

Come coreografo firma lo spettacolo TRES e il suo assolo DANZA PALOMA, in work in progress vediamo A – THE ART OF NEVER
GETING ANGRY.

Da classi, training, workshop per amatori e professionisti.

 

Il gran MODULO DI ISCRIZIONE al Festival Della Zuppa 2017

Sobbolliva, sobbolliva in pentola e oggi che è uscito il sole eccolo qua!

•Il gran MODULO DI ISCRIZIONE 2017!•

Per pensare alla zuppa e all’arte sua, all’Arte della Zuppa! Mescolare, mestolare!

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSfmDqWGRv8JU_LzVn0hn8n58s_mvkO1Ii3Pgm_q_Ksm6Tmi_A/viewform

DIGITO ERGO SUM

Domenica 5 Febbraio, ore 18:00

Continua la nostra Rassegna L’originale è politico (e versavice), con il 4° Appuntamento:

DIGITO ERGO SUM

Il progetto “DIGITO ERGO SUM” nasce dal desiderio di comunicare il disagio tragicomico della ricerca di un posto nel mondo e di una vera IDENTITA’.

La TECNOLOGIA crea davvero milioni di possibilità di comunicare e affermare sé stessi?
Le nostre eroine si incontrano ad una selezione “SOCIAL”, si reinventano in un gioco che mette in crisi la loro identità, fino a perdersi, per il bisogno di piacere e avere successo.
La CRISI si manifesta nelle relazioni virtuali, nell’ambivalenza della comunicazione e diviene uno scontro profondo dell’Essere, frutto della battaglia quotidiana contro l’eterno nemico: sé stessi.
In questo scenario le nostre protagoniste si scontrano in una lotta giocata tra Realtà e Virtualità tra Umanità e Disumanità.
Nella spasmodica ricerca di modelli da seguire, le due protagoniste trovano le ricette per essere felici cercando online nuovi espedienti per colmare vuoti interiori. I mass media proiettano distorsioni allettanti della realtà e ideali di bellezza esteriore.
Si rappresenta il dramma contemporaneo dell’impossibilità di comprendere la realtà in cui siamo immersi, dove mondi interiori inascoltati scattano come bombe a orologeria sotto l’impulso di una VOCE ipnotica e sensuale.

Progetto realizzato grazie al Comune di San Lazzaro e al Premio Giovani Talenti Creativi 2016.

DI E CON
Ulduz Ashraf Gandomi e Cecilia Lorenzetti
VOCE
Fabrizio Carbone
REGIA
Alessandra Tomassini
AIUTO REGIA
Fabrizio Carbone
ADATTAMENTO DRAMMATURGICO
Camilla Mattiuzzo
SOUND DESIGN
Marianna Murgia
MOVIMENTI DI SCENA
Daniela Mariani
COSTUMI
Jone Filippi
VIDEO PROIEZIONI
Aras Ashraf Gandomi
FONICO
Fabio Vassallo
LUCI e GRAFICA
Daniela Gullo
FOTOGRAFA DI SCENA
Susanna Regazzi

TERRA MATTA

Terzo appuntamento della rassegna L’Originale è Politico (?) (e versavice)

DOMENICA 29 GENNAIO, ore 21:00

TERRA MATTA
di Vincenzo Rabito
con Stefano Panzeri
dall’opera letteraria “Terra Matta” di Vincenzo Rabito – Giulio EINAUDI Editore

“Terra Matta” è una straordinaria autobiografia. Vincenzo Rabito, un ragazzo del’99, l’ha scritta in sette anni, tra il 1968 e il 1975 su una vecchia Olivetti. Si tratta di un’opera monumentale, forse la più straordinaria tra le scritture popolari mai apparse in Italia: 1027 pagine a interlinea zero, senza un centimetro di margine superiore, né inferiore, nè laterale. Un’opera che si caratterizza per una lingua orale, dura, grezza, infarcita di “sicilianismi”, con il punto e virgola a dividere ogni parola dalla successiva.
“Terra Matta”, affascina chiunque abbia la pazienza di resistere allo shock del lessico e della grammatica strana, all’inizio quasi incomprensibile; coinvolge come un diario personale e al contempo come un grande documentario, restituendo la sensazione di vivere il “dietro le quinte“ di avvenimenti che segnano con la loro importanza la nostra storia. Vincenzo non solo ti cattura con la bellezza della sua storia, ma arriva a sfidarti con le sue parole e la sua “presenza”, con una lingua a volte, almeno per un lombardo-veneto come me, che diventa gramelot, e con racconti straordinariamente avvincenti in cui si ride e ci si commuove; Vincenzo ti regala immagini vive e già teatrali sulla carta e ti mostra, con franca saggezza popolare, l’essenza dell’italiano, il suo rapporto con lo Stato e con il bene comune, quel misto di eroismo e menefreghismo che ci contraddistingue spesso ancora come popolo.
Narrare in prima persona la vita di Vincenzo e le sue avventure (un personaggio a metà tra un Don Chisciotte e uno Zanni) mi sembra interessante, oltre che come approfondimento didattico (lo spettacolo è pensato per un pubblico anche scolastico) e come occasione per celebrare la ricorrenza dello scoppio del primo conflitto mondiale, anche perché i primi anni della vita di Vincenzo sono quelli più freschi, più esuberanti e perché dipingono una realtà che per certi versi non è lontana dalla nostra di oggi: penso alla silenziosa incombenza di un conflitto bellico internazionale, alla crisi, alla necessità sempre più impellente di trovare nuovi mezzi di sostentamento. Inoltre, quando propongo questo lavoro nelle scuole, mi piace l’idea che sia un ragazzo del ’99 a raccontare la sua vita e la Storia ad un altro ragazzo del’99 (o quasi), facendo con le parole, le Sue parole, un balzo lungo un secolo.

Sabato 28 Gennaio e Domenica 29 gennaio Stefano Panzeri condurrà un seminario sulla storia e lʼuso delle principali maschere della Commedia dellʼArte:
https://www.facebook.com/events/1638439189791859/

Per Informazioni:
cameredariainfo@gmail.com
3396171306 Silvia

Il Clown: la ricerca continua

Domenica 29 Gennaio dalle ore 10:00 alle ore 17:00

Laboratorio di clown teatrale, di secondo livello, per proseguire nella ricerca del proprio clown. Sei ore di intenso lavoro, individuale e collettivo, di improvvisazione, di approfondimento del lato ridicolo di ciascun partecipante e di sperimentazione di nuovi numeri comici e poetici, singoli o di gruppo.

Condotto da Manuela Ara
347-1249458
E-mail: lelalampone@gmail.com

 

 

L’attore e la maschera della Commedia dell’Arte

Seminario Teorico e Molto Pratico sulla storia e lʼuso delle principali maschere della Commedia dellʼArte
a cura di Stefano Panzeri

Il Seminario è dedicato a chiunque voglia addentrarsi nella storia, nelle tecniche e nella tradizione del teatro della Commedia dellʼArte, debellando i numerosi fraintendimenti ed equivoci che tuttora offuscano lo splendore di quello che è stato, per noi italiani, uno dei momenti di maggior prestigio internazionale (teatralmente parlando) e che pertanto soprattutto in questi tempi, andrebbe rivalutato, se non altro per tirarsi un poʼ su il morale. Si lavorerà sulla storia e sui caratteri delle maschere tradizionali e prima ancora sul concetto ed uso della maschera, intesa non solo come oggetto ma come strumento comunicativo che da sempre accompagna la storia dellʼuomo.

WWW.STEFANOPANZERI.EU

Il Seminario si terrà
SABATO 28 Gennaio 2017 10-13 e 14 -19
DOMENICA 29 Gennaio 2017 10-14

Per informazioni e iscrizioni:
cameredariainfo@gmail.com
3396171306 Silvia